lunedì 14 ottobre 2019

ULTIMI GIORNI




«Sì, lo ammetto. Sono praticamente fissato su temi come la fine della vita individuale, e dell’esistenza in generale. Non sono particolarmente morboso, ma trovo che sia un argomento assolutamente affascinante. Sinceramente, non vedo domande più importanti di queste: cosa proveremo nel momento della nostra morte? La coscienza finisce con la morte o sopravvive in qualche forma? La vita è qualcosa di più grande di quello che conosciamo? La fede religiosa è solo una costruzione artificiale? Per uno scrittore questo è un territorio molto fertile da esplorare, credo che non mi verranno a mancare idee e domande in merito». (Glenn Cooper).

È naturale che chiunque, prima o poi,
dovrà trovare le risposte a quelle domande …


--

sabato 7 settembre 2019

QUETZALCOATL


"Nella mitologia azteca e mesoamericana, 
Quetzalcoatl è una figura divina 
di importanza fondamentale: 
il suo nome, che può essere tradotto 
come Serpente Piumato
fra spirito e materia, fra umano e divino. 

Unica divinità,
del pantheon pre-ispanico,
a non richiedere sacrifici umani, 
era ricordato dagli indigeni 
per aver donato agli uomini il calendario 
e la coltivazione del mais

Una delle leggende sulla sua nascita, 
racconta di come la dea Coatlicue
personificazione della natura madre 
e dell’aspetto femminile della Divinità, 
abbia concepito verginalmente il dio 
grazie ad un frammento di giada 
che l’avrebbe ingravidata."

(Fonte: https://axismundi.blog/2019/03/08/la-vergine-di-guadalupe-il-serpente-piumato-e-il-fiume-nascosto-della-storia/)
--

Scommetto che ora chiunque, 
persino Tu,
che non conoscevi tal tradizione,
leggendo questa storia,

lunedì 17 giugno 2019

ARGONAUTICHE

Nave Argo,
appunti per “Argo-nauti”.

Dopo aver lunga-mente studiato,
chiunque potrà sollevare anche quest’ultimo velo …
si può infatti affermare, serenamente,
che in un remoto passato …
“Lei” è stata … (la “Nave Argo”)
la più grande ed imponente … costellazione del cielo!

Quella con cui loro, i provetti marinai,
partirono alla ricerca del “Vello d’oro” …

Fu poi smembrata …
… pur essendo stata creata …
per essere indistruttibile ed immortale …
“la nave dei Cittadini della Terra di ogni tempo,
costruita per affrontare, in piena sicurezza,
le tempeste, millenarie, dell’evoluzione” …
insieme, ovvia-mente, alle temibili forze del male …
che, dicono ... si creerebbero dietro ...
... posta esattamente a metà 
tra i due opposti della mente duale ...

Ora, abbandonata l’ennesima illusione,
ed emersa, dalla profondità della coscienza,
questa indiscutibile verità,
riconosciuta pure dalla religione e dalla scienza,
chi condurrà, durante l’esistenza,
il prezioso carico (le anime dell’Umanità)
verso la finale destinazione?


Di seguito, invece, gli approfondimenti,
da parte di dotte menti …

Sul “Vello d’Oro” …
e la mitica “Nave Argo” …

mercoledì 12 giugno 2019

FEBO


Se con l’antica saggezza
avete particolare dimestichezza
avrete sicuramente sentito parlare del Dio della Luce,
della poesia, dell’amore e della bellezza …

protettore d’ogni pastore,
(spesso identificato con Helios, il Sole)
per via della splendente lucentezza …

dotata d’una particolare destrezza …
rinnovandola con assoluta delicatezza …

Ma quel che forse non sapevate
è che, secondo quanto raccontato,
recentemente, da un noto scrittore,
identificato con un enorme pitone,
pietrificandolo con le fauci spalancate …

Una favola, sicura-mente,
ci è stata tramandata dall’antica sapienza,
la quale, velata-mente,
servendosi dell’umana in-coscienza,
(anche tramite le “Metamorfosi” di Ovidio)
ci narra che chiunque desideri, vera-mente,
raggiungere il proprio paradiso,
deve prima trasformarsi, completa-mente,
in questo, preciso, istante,
anche noto, semplice-mente,
come eterno presente …
--

giovedì 30 maggio 2019

ISTINTO

ed ho, perciò, un profondo rispetto …
… per l’esistenza …

e gradisco, anche, avere accanto
un’anima a ME affine …
con la quale accompagnarmi,

Sorrido, facilmente,
leggendo, specialmente,
certe riflessioni sulle umane passioni …
pensando al pudore …
convulso, sofferente, contratto, imprigionato,
dietro assurde ragioni,

Non so perché,
che le responsabili siano le religioni
le quali, ora come allora,
costringevano a fantasticare,
anziché sperimentare personalmente,
che provvede, fin dagli albori dell’umanità
ad accompagnare l’ingenua gente verso la verità …


Parola di serpente …


domenica 26 maggio 2019

VERSO IL TRASCENDENTE

probabilmente,
accettare, incondizionata-mente ...
di dover esplorare l'ignoto,
andare all'avventura ...
residente nell'inconsapevole mente ...

se non si riconosce, intuitiva-mente,
una semplice verità ...
possa, da noi, essere totalmente differente?

Una creatura aliena, praticamente,
proveniente da una lontanissima,
luminosissima stella ...
(o, più semplicemente, emersa ...
dalla profondità del nostro mare)
capace di saperci indicare, dolcemente,
la via più breve 

NUOTARE O CAMMINARE?

Noi, come gli anfibi, 
possiamo uscire dall'acqua 
(le nostre emozioni)

Le creature che, invece, 
il mare non possono lasciare,

Praticamente, 
cosa davvero paradossale,
gli manca la necessaria conoscenza ...
che non possono però acquisire
poiché quell'esperienza 

MEGLIO VOLARE?

Chissà, probabilmente!
Ma, forse, logica-mente ...
l'autosufficienza e l'egoismo
consentirebbe, più facilmente,
d'elevare la coscienza
fino a quella vertiginosa altezza,
da dove dovrebbe essere più facile
osservare, attenta-mente,


giovedì 16 maggio 2019

UN MARINAIO


e mi è stato anche confermato,
dopo che ho ascoltato 
ciò che un marinaio esperto m'ha raccontato:

"Per godere, intensamente,
dello spirito ... innato ... dell'avventura,
occorre lasciare il sicuro porto ...
verso l’ignoto, l’infinito,
ciò che ancora deve essere scoperto" …

Ma poi è intervenuta Lei,
raccomandandomi prudenza …
poiché, Ella m’ha assicurato:
"La destinazione è comunque già nota,
alla tua meravigliosa Essenza,
colei che ti guida, instancabilmente,
esortandoti a vincere ogni paura,
fin dagli albori dell’esistenza" …

Un sogno …
che richiede un grande coraggio,
poiché non è possibile sentire
il dolce, soave, profumo di libertà …
se non s’abbandona, almeno per un istante,
la stantia, illusoria, realtà …
per dedicarsi alla ricerca della felicità …
che può comunque essere trovata 
con estrema semplicità,
che ad ognuno è stato donato dal fato
per sperimentare l’incanto ...
che si prova osservando la superba bellezza
che deriva dalla spensieratezza del fare,
senza aspettare, da altri, quella tenera carezza,
in mancanza della quale, naturale,
giunge il disincanto ...